Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Proseguendo acconsenti all'uso dei cookie.

Creative lab ospita la prima start up innovativa in ambito culturale e sociale nata sul territorio mantovano

Archè 3D è la prima start up innovativa a vocazione sociale del territorio di Mantova ed è nata grazie al supporto e all'accoglienza che i quattro soci hanno trovato prima in Santagnese10 e poi al Creative Lab, partecipando all'avviso di manifestazione di interesse per avere gli spazi a disposizione. I due spazi mantovani di coworking rivolti a giovani e a creativi sono stati fondamentali per il percorso di crescita della start up.

Archè 3D nasce nel 2014 da un'idea di Carlo Masgoutiere e Corrado Bondioli Bettinelli, due amici architetti che durante la fine dei loro studi alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano – sede di Mantova decidono di dare una svolta al modo tradizionale di fare architettura. Per fare ciò ritengono che una stampante 3D possa ridare all’uomo e all’architetto la forza per padroneggiare la forma. In occasione di una mostra sulla potenzialità della stampa 3D gli viene data la possibilità di fondare il primo fablab di Mantova insieme ad altri ragazzi (FabLab Mantova E.Fermi). Durante questa iniziativa ai due studenti si unisce a loro l'architetto Simone Veronesi. Il fablab ad un anno dalla sua apertura è avviato e i tre protagonisti fanno un importante incontro con Marco Patuzzo di Helpy Technology con il quale si comincia a ragionare sul fatto di poter aprire una start up fondendo esperienza aziendale ed informatica, con esperienza di ricerca, conoscenza tecnologica e di modellazione tridimensionale. I quattro professionisti si inseriscono oggi nel progetto Creative Lab a Lunetta grazie ad Helpy Technology come partner ed incubatore, e dal 10 gennaio 2018 sono diventati ufficialmente “Start up innovativa a vocazione sociale”.

Archè 3D ha come scopo la progettazione, produzione e commercializzazione di manufatti di alto valore artistico e/o tecnologico attraverso l’uso delle stampanti 3D, delle tecnologie digitali e dell’arte della manifattura. In particolare la start up è impegnata costantemente a effettuare ricerche e sviluppo progetti in partecipazione con enti specifici ad alto valore tecnologico/scientifico a fini sociali, culturali e funzionali di miglioramento o facilitazione anche economica di mezzi, sistemi o prodotti che aiutino in queste direzioni le persone in vari settori, in primis il biomedicale per persone con handicap, la fruizione dei beni culturali e il settore architettonico.

PROGETTO LABORATORIO DI ARTI PROTESICI PER MUTILATI DI GUERRA

Per quanto riguarda il settore biomedicale Archè 3D, sta lavorando in collaborazione con il cardiologo Jean Bassmaji di AMAR per la creazione di un laboratorio di arti protesici per mutilati di guerra.

L’obiettivo del progetto è quello di allestire un laboratorio presso l’Università di Damasco per la produzione e distribuzione di arti artificiali superiori, o parti di essi, destinata ai mutilati di guerra in modo gratuito e senza distinzione di età, sesso, etnia e religione.

Il laboratorio è supportato dalla ditta CSP WASP, che ha offerto due stampanti 3D e uno scanner 3D, e da AMAR, associazione di Reggio Emilia che si occupa di aiuti umanitari per la Siria, che sosterrà il costo del materiale per un anno e offrirà assistenza in relazione alle attrezzature fornite. Arche3D sarà operativo anche a distanza elaborando i dati recuperati dall'Università di Damasco, inviando i file e spedendo i progetti stessi per ottimizzare le operazioni.

Lo scopo principale del laboratorio è quello di produrre più protesi possibili, a pieno regime è possibile strutturarne 2 giorno, e creare parallelamente un database online dei vari casi affrontati per migliorare il processo e renderlo più rapido.

Dalla collaborazione tra Arche3D e l’azienda CSP WASP (World’s Advanced Saving Project) è da poco nato un ulteriore progetto per la costituzione di un hub mantovano che offra la possibilità di mettere in rete progetti e ricerche nell’ambito della stampa 3d per il settore medicale inserendosi in un circuito più ampio di HUB nazionali e internazionali.

Per maggiori informazioni sul progetto WASP consultare www.wasproject.it

 

mantova citta d arte e di cultura

Hub Santagnese10

Condividi con noi la tua idea di impresa culturale, il tuo progetto, le tue competenze: insieme possiamo fare molta più strada.

Newsletter

Iscriviti per non perdere le prossime novità.

Non facciamo spam!